cazzirroFrancavilla al Mare si conferma , dal punto di vista della partecipazione politica, la città dei "miracoli". Il miracolo è sempre lo stesso: “la moltiplicazione dei pani e delle tessere”! Circa due anni fa, a seguito del braccio di ferro tra il circolo locale del PD(C) ed il neo sindaco Luciani (non organico al PD) per il controllo del circolo in questione, ci fu un "miracoloso" boom di iscritti. Dalle alcune decine di tesserati si passò, infatti, ad oltre 400 iscritti. Un'autentica “moltiplicazione dei pani e delle tessere"! Una specie di exodus biblico da parte di fedelissimi ma occulti simpatizzanti della sinistra in marcia verso la "grotta" del PD(C). Allora si ebbe la netta sensazione che il “miracolo" avvenne per l'intercessione di "Sant'Antonio".

Nemmeno il tempo necessario per la conta e per l'analisi del fenomeno che il miracolo si rilevò piuttosto fatuo ed il circolo del PD(C) locale ritornò ai pochi intimi della prima ora. A cavallo tra il 2015 ed il 2016, a Francavilla al Mare, si è ripetuto il miracolo; solo che in questo caso il beneficiato non è stato il PD(C) bensì il circolo locale di SEL.

Infatti, come per miracolo, da un circolo in coma "farmaceutico" (?) che presentava un "diagramma piatto", dagli iscritti in numero pari a ZERO si è passati agli attuali n.76 tesserati. Un altro autentico miracolo “della moltiplicazione dei pani e delle tessere”! Vista la situazione degli iscritti ai circoli di SEL delle altre realtà della provincia di Chieti quello di Francavilla si va a collocare al primo (?) posto della classifica. Pare che qualcuno avrebbe già ironizzato sul fatto che in città il numero degli iscritti possa essere addirittura superiore a quello degli elettori! Anche in questo caso si è trattato di una specie di braccio di ferro, per il controllo del neo circolo locale, tra un gruppo storicamente legato alla sinistra ed un "neo" e più numeroso gruppo di sedicenti attivisti di "sinistra", venuto allo scoperto e diretto, a quanto è dato di capire, verso i vagoni del treno lucianiano (ai fatti eventuali smentite). Come mai questo nuovo miracolo che ha visto confluire verso un partito che ha nel nome e nel simbolo il termine "sinistra", una folla biblica proveniente da chissà dove e diretta alla terra "promessa"? Nulla è da escludere; nemmeno il fatto che a sinistra siano stati folgorati sulla via di Damasco ed abbiano sentito il dovere uscire allo scoperto ed impegnarsi per la nobile causa (?). Curiosando tra gli iscritti presenti al MuMi il 23 gennaio 2015, si ha, anche stavolta, la sensazione che la "folgorazione" di taluni abbia del "miracoloso".

Tornando al miracolo (perché di miracolo si tratta!) resta il fondato sospetto che, anche in questo caso, ci sia stata l'intercessione di un "santo recidivo" (Sant'Antonio), magari con la collaborazione di San Luciano e la modesta partecipazione di San Michele Arcangelo.