Vuoi darci una mano? Buendia e Primo Foglio aspettano anche te! Invia i tuoi articoli, vieni a trovarci nella nostra sede.
Le camice brune mettono alla berlina la ragazza di un ebreo

"ARBEIT MACHT FREI" questa era la scritta beffarda con la quale i carnefici nazisti accoglievano i deportati ad Auschwitz. Il 27 gennaio 1945 i primi soldati russi entravano nel famogerato campo di sterminio.
Primo Levi così testimoniava:" ...sul pavimento, l'infame tumulto di membra stecchite, la cosa Sòmogyi. I vivi sono più esigenti, i morti possono attendere... i russi arrivarono mentre Charles ed io portavamo Sòmogyi poco lontano..." 
                                             

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna