E' la storia della "liberalizzazione " che l'Amministrazione Angelucci applicò al settore delle auto da noleggio, dopo che il ministro Bersani abbozzò un accenno di liberalizzazione dei taxi, fallito  a Roma come in altre parti d'Italia.
A Francavilla si decise di accettare domande da tutta Italia:bastava fare domanda al Comune, affittare un posto auto per ottenere il prezioso  permesso con  circa 500 euro. a fronte di centinaia di migliaia di euro da pagare, per esempio a Roma.
Arrivarono circa 500 domande, che  furono bloccate dall'amministrazione Di Quinzio viste le irregolarità  denunciate da più parti.
il pm Lucia Campo ha notificato le informazioni di garanzia ai 16 consiglieri comunali della maggioranza e dell'opposizione che  approvarono la delibera 99 del 12 dicembre 2007 ed al funzionario responsabile del procedimento. Insieme ad Angelucci hanno ricevuto l'avviso di garanzia altri 15 consiglieri comunali.
Erano presenti alla votazione: Lucrezio Paolini (attuale consigliere regionale IDV) , Antonio Del Ciotto, Enzo Mancinelli, Maurizio Di Sante Marolli, Giuseppe Casoraro, Franco Baldassarre, Bruno Galasso, Gabriele Amicone, Antonio D'Argento, Carmine Di Giovanni, Vincenzo Di Lorenzo, Tina Di Girolamo, Carlo De Felice, Franco Di Muzio, Carlo Matricardi i quali sono i favorevoli all'approvazione del Regolamento comunale.Alcuni di questi consiglieri, pur risultando nel verbale presenti e votanti, hanno chiarito (come Tina Di Girolamo) che non c'erano o erano usciti